Quando il car sharing diventa un’odissea

Bologna ore 20,50 circa. Devo andare in stazione a prendere il treno ma dove mi trovo non circolano più autobus fino al mattino. Come al solito ho un piano B, un C e un D: camminare verso una zona servita da bus, cercare una bici condivisa Mobike, darmi al car sharing. Incautamente opto per la terza ipotesi.

Apro l’app di Enjoy sul telefonino e prenoto una Fiat 500 a trecento metri di distanza. Raggiungo l’auto e sembra tutto ok: sblocco porte, inserimento pin nell’app, messa in moto. In pochi minuti di guida raggiungo la stazione di Bologna San Vitale, pronto a intercettare un treno per Ravenna.

Parcheggio in via Nuova e iniziano i problemi. Pur essendo dentro la zona di copertura del servizio, ed in presenza di segnale Gsm e Gps, l’app non mi permette di terminare il noleggio. Riaccendo il quadro dell’auto, come consiglia l’app, e ripeto la procedura: nessun esito. Non resta che chiamare il Call center.

E qui comincia l’odissea. Dalle 21,15 ho cercato invano di parlare con un operatore. Nel frattempo, ho perso il treno delle 21,20 ed un altro che mi avrebbe riportato in Centrale. Alle 22,10, esasperato, ho fatto quel che non si dovrebbe fare: lasciare l’auto spenta e parcheggiata (ma aperta, dato che solo l’app può bloccare le portiere) per salire a bordo dell’ultimo treno utile senza attendere il fatidico “fine noleggio”.

Il call center mi ha risposto, dopo infiniti tentativi, solo a mezzanotte e un quarto (!). Hanno bloccato loro l’auto spiegandomi che, dalle 18,30, nessuna auto Enjoy in Italia (Roma, Milano, Torino, Firenze, Catania, Bologna) riusciva a terminare il noleggio, per questo i centralini erano andati in tilt.

Oggi mi sono trovato 50 euro di addebito sulla carta di credito per “noleggio giornaliero” (contro i 3 euro di utilizzo effettivo del mezzo) ma mi è stato spiegato che da lunedì, venuti meno i problemi tecnici, procederanno con i rimborsi.

Che dire? Aspetto fiducioso, certo che non è un bel biglietto da visita questo per Enjoy, soprattutto perché proprio ieri a Bologna cominciava il servizio “Corrente”, flotta di 240 auto elettriche che si pongono in diretta concorrenza alle Fiat 500 rosse dell’Eni.

*** Aggiornamento ***
Nella tarda serata di sabato, rispetto ai 50 euro già scalati, Enjoy ha disposto il rimborso di 46,50 euro come non dovuti, trattenendo 3,50 euro per il tempo di noleggio effettivo. Ha poi emesso un ulteriore credito di 10 euro per il disagio subito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *