Cara Fieg, nella Costituzione oltre all’articolo 21 esiste il 36

Sul Resto del Carlino di oggi (ma immagino anche sulle altre edizioni del QN) c’è un bel paginone celebrativo della Fieg sull’incoronazione di Andrea Riffeser Monti a nuovo presidente della Federazione editori.

Non si può ancora giudicare il suo operato in questo ruolo, ma giova ricordare come si tratti di un editore a capo di un gruppo che negli anni si è prodigato senza sosta nella sistematica umiliazione dei propri collaboratori.

Continua a leggere
Foto Margherita Cenni

Il miglior giornalismo investigativo premiato a Riccione

Un lavoro duro, per impatto e difficoltà di realizzazione, quello realizzato da Mouhssine Ennaimi che racconta il lucroso traffico di organi tra i disperati profughi siriani in Libano, illusi, depredati e abbandonati.

Con una certa trepidazione gli ho consegnato, a nome della giuria del Festival e in rappresentanza dell’OdG Emilia-Romagna, il Dig Award 2018 come vincitore della sezione “Investigative Medium“.

Il suo approccio narrativo, potente ed empatico, getta luce sugli abusi disumani commessi quotidianamente nei confronti di persone deboli che, dopo aver perso tutto scappando dalla guerra, si ritrovano in un nuovo e inquietante abisso.

Celebrando la Costituzione a Reggio Emilia

Un ringraziamento all’associazione Stampa Reggiana per aver pensato al sottoscritto come relatore all’assemblea annuale.

Parlando del 70° anniversario dell’entrata in vigore della Costituzione non potevo non parlare del periodo del quale è figlia la Carta, un dopoguerra fatto di grandi speranze e di accordi tra forze politiche molto diverse, ma impegnate nel nome del bene comune a dare fondamenta solide alla neonata Repubblica Italiana. Il popolo italiano riprendeva in mano in quegli anni, per il tramite dei suoi rappresentanti, una sovranità troppo a lungo delegata ad un uomo forte capace solo di portare lutti e sciagure.

L’auspicio, anche in questo caso, è che la Storia possa essere nostra maestra nell’agire quotidiano.

Cesena calcio contro due colleghi “al bando” da mesi. La presa di posizione dell’Ordine dei giornalisti

L’associazione calcio Cesena è una società allergica alle voci libere, il cui presidente in passato si è distinto a più riprese per le sue posizioni tra l’imbarazzante e il deplorevole.

In questo senso, la presa di posizione dell’Ordine dei giornalisti dell’Emilia-Romagna è solo l’ultimo atto di una lunga querelle.

Maggio 2018: http://odg.bo.it/blog/cesena-calcio-contro-due-colleghi-al-bando-da-mesi-lodg-emilia-romagna-prende-posizione

Chi fosse interessato a questa vicenda può trovare di seguito le due puntate precedenti.

Gennaio 2015: https://www.facebook.com/michelangelo.bucci/posts/10153005448167836

Dicembre 2015: https://www.facebook.com/michelangelo.bucci/posts/10153791587962836

In ricordo di Graziella Fava, vittima incolpevole degli anni di piombo

Una macchina per scrivere bruciata, una vita innocente spezzata, le fiamme dell’odio e i fumi dell’estremismo che avvolgono un palazzo nel centro di Bologna.

Sono passati 39 anni dall’attentato dei Gatti Selvaggi all’Associazione stampa dell’Emilia-Romagna, a quel tempo in via San Giorgio nel cuore di Bologna.

Quei terroristi di estrema sinistra, epigoni di Prima Linea, volevano colpire un luogo simbolo di quella stampa “rea” di aver criticato i protagonisti della lotta armata. Così, dopo aver derubato i presenti, gettarono una bomba al fosforo negli uffici scatenando un incendio.

A pagare per la loro azione vigliacca fu Graziella Fava, 50enne collaboratrice domestica presso un’anziana signora del piano di sopra, trovata morta per asfissia sul pianerottolo.

A lei il Comune ha intitolato, anni fa, un giardinetto in zona stazione. Questa mattina l’Ordine e il Sindacato, tra lo scarso interesse delle istituzioni, hanno ricordato Graziella Fava assieme ai suoi familiari.

I gruppi armati volevano colpire “i pennivendoli di Stato […] esecutori delle falsificazioni di regime“. Il loro cieco furore ideologico ebbe l’unico effetto di uccidere una lavoratrice incolpevole.

Giornali locali saccheggiati da finte testate senza scrupoli

Una banda di briganti, da mesi, nel riminese e nel cesenate saccheggia impunemente il lavoro giornalistico altrui. Teatro del misfatto è una catena di siti che, si badi bene, pubblica come loro (con tanto di firma) articoli e interviste frutto del lavoro di giornalisti di altre testate. Lo ribadisco: questi non pubblicano dei semplici comunicati stampa, ma lavori originali presi e ripubblicati altrove a suon di copia e incolla.

Il tutto reso ancora più odioso dal fatto che questi siti hanno il nome “giornale” nel proprio dominio, ma non si tratta di testate registrate, non hanno un direttore responsabile e non impiegano giornalisti.

Continua a leggere

Master in giornalismo UniBo, verifica di metà biennio

Prima riunione oggi al Comitato scientifico del Master in giornalismo dell’Università di Bologna. Qualche sostituzione nelle docenze ed un lungo confronto con gli studenti sulle (non eccessive) criticità.

Università e Ordine sono impegnati con determinazione e risorse nel far crescere questo percorso di formazione post laurea, ripartito lo scorso anno dopo un biennio di stop.

Esposizione di simboli fascisti? Si tratta di ignoranza o malafede, tertium non datur

Ignoranza o malafede. Non è possibile una terza via nella esposizione di simboli che si rifanno, direttamente o indirettamente al nazismo o al fascismo.
L’ultimo caso, in ordine di tempo è avvenuto a Forlì con un avvocato (esponente di FdI già sospeso dalla sua carica di vertice per ostentate simpatie verso Hitler e Mussolini) che ha esposto dal suo balcone una bandiera della RSI.
Uno Stato fantoccio, la Repubblica sociale italiana, le cui Forze armate nacquero per continuare la guerra contro gli Alleati (in nome di un malinteso onore) ma furono utilizzate quasi esclusivamente in rastrellamenti interni contro partigiani o presunti tali. Un simbolo dell’ultima fase del fascismo, quella più truce e sanguinaria.
Non può essere definita libertà di espressione quella di chi inneggia all’intolleranza, riesumando gli scheletri di ideologie che hanno sprofondato l’Italia in un baratro di sciagure.

Continua a leggere

Il clan degli Spada va “fuori di testa”

Ostia ospita una criminalità che opera con metodi mafiosi, clan che si fanno beffe della legalità. Lo scrive da anni (spesso inascoltata) la coraggiosa Federica Angeli. Lo ha riconosciuto la magistratura, con una serie di condanne al termine di un’indagine nata proprio da un’inchiesta di Repubblica.

Quando poi i giornalisti cercano di capirne di più sulle contiguità tra clan ed estrema destra allora son dolori.

Solidarietà all’inviato di Rai2, aggredito con metodi squadristi, e tanta amarezza per la consueta caccia al giornalista subito scatenatasi sui social.

I risultati delle elezioni OdG 2017: l’intero gruppo Gi.Pu. eletto al primo turno

Un ringraziamento, di cuore, a tutti i colleghi giornalisti per l’attestato di stima espresso ieri nell’urna. Per me inizia ora una nuova avventura al servizio della categoria all’Ordine dei Giornalisti dell’Emilia-Romagna.

La nostra lista (Gi.Pu.) vede eletti tutti i candidati: tre consiglieri regionali su tre, il revisore dei conti regionale e l’unico consigliere nazionale pubblicista dell’Emilia-Romagna.

Siamo passati tutti al primo turno, senza andare al ballottaggio, anche se abbiamo vissuto lo spoglio con un po’ di “battiquorum” a causa del calo di affluenza al seggio di Bologna (legato alla visita del pontefice) e a qualche defezione imprevista.

Un ringraziamento, in particolare, ai giornalisti pubblicisti romagnoli che mi hanno gratificato dell’88 per cento di preferenze. E ora, al lavoro!